Precedente

Ritrovare il lavoro dopo i 40 anni (e anche dopo i 50) si può.

Successivo

Le facoltà che aprono le porte del mondo del lavoro, dati alla mano

Innovazione

Un profilo Linkedin perfetto in cinque mosse

4 gennaio 2018
Condividi su FacebookTwitta su TwitterCondividi su LinkedIn

Molte aziende e agenzie interinali utilizzano LinkedIn per selezionare potenziali candidati all’assunzione o collaboratori. Per questa ragione il social network professionale oggi conta 9 milioni di utenti iscritti in Italia e 433 milioni a livello globale. È molto di più che un curriculum personale o aziendale digitale, è la piattaforma ideale per far emergere competenze, creare relazioni e sfruttare opportunità. Migliorare la propria reputazione online tramite il personal branding e aumentare la propria rete attraverso il networking è il primo passo per farsi notare. Ma quali sono le strategie migliori per creare un profilo efficace?

1. Carica una foto profilo

La tua foto è la tua stretta di mano virtuale. È importante scegliere una foto adeguata al tuo ruolo professionale, ma non troppo pretenziosa. La semplicità paga. È possibile caricare la foto direttamente dallo smartphone sfiorando l’icona profilo in alto a sinistra, assicurandosi che sia di buona qualità e che non includa il tuo animale domestico, il tuo compagno o dettagli che con il lavoro non hanno niente a che fare. Perché identificarti online su LinkedIn con il tuo cane o il tuo compagno se non sei un veterinario o un consulente matrimoniale? I membri che includono una foto, ancora meglio se adeguata, al loro profilo ricevono più visualizzazioni e più messaggi da altri utenti.

2. Inserisci la tua posizione lavorativa attuale

Assicurati che le informazioni legate alle tue esperienze di studio, formazione e lavoro siano sempre aggiornate ed esposte in modo chiaro e onesto. Il tuo profilo deve includere il ruolo e il nome della società per cui hai lavorato, sfruttando i suggerimenti proposti dal social stesso mentre si digita. I membri con posizioni aggiornate hanno maggiore possibilità di essere scoperti da altri membri e dalle aziende e agenzie interinali. Se sei disoccupato inserisci il titolo e il ruolo che vorresti rivestire. Per esempio: “social media manager aperto a pozioni di social media marketing sul campo”. Ricordati di inserire il periodo di tempo da cui fai questo lavoro. Se ti stai proponendo per la prima volta su LinkedIn e stai cercando lavoro includere la tua formazione e tuoi studi è fondamentale perché non solo è importante per i possibili datori di lavoro ma anche per connetterti con amici o studenti che hanno frequentato le tue stesse scuole o istituti.

3. Aggiungi un elenco di competenze pertinenti alla tua professionalità

Aggiungere al tuo profilo una lista di competenze allineata alla tua figura professionale ti aiuterà a trasmettere agli altri i tuoi punti di forza e a collegarti con le opportunità giuste. Aggiungi almeno 5 competenze controllando che siano elencate in ordine di importanza e a seconda di come e per che cosa vorresti essere conosciuto, visualizzato, LinkedIn farà il resto.

4. Aggiungi la tua posizione e crea relazioni

Più del 30% dei reclutatori utilizza la ricerca avanzata in base al luogo. Inoltre, colleghi, contatti che svolgono una professione simile alla tua, potrebbero in questo modo visualizzarti e chiederti di entrare in contatto. Le connessioni sono importanti perché incrementano il potenziale di diffusione del nostro profilo. Come è fondamentale dialogare con i collegamenti guadagnati, consigliando i post più interessanti, commentandoli e condividendo contenuti attuali e originali che riguardino il lavoro svolto, mettendo quindi a disposizione della rete la tua professionalità.

5. Riepiloga la tua esperienza e i tuoi obiettivi

Aggiungere un riepilogo è un’opportunità per raccontare la tua storia professionale, la tua esperienza, il tipo di cose che ti interessano e gli obiettivi che desideri realizzare. Un riepilogo di 40 parole o più rende più probabile la visualizzazione del tuo profilo nella ricerca.

Onestà, chiarezza, cura delle proprie informazioni, senza dimenticarci che non siamo un cv ma persone, sono gli ingredienti essenziali per costruire il nostro biglietto da visita online e soprattutto il brand personale. Un consiglio? Non aggiungere il tuo numero di telefono nelle informazioni di contatto se non vuoi essere contattato così ma non dimenticarti di inserire la tua e mail professionale.

Iscriviti alla newsletter