5 regole per usare correttamente le password - Semplice come
5 regole per usare correttamente le password

Precedente

Come arredare al meglio la tua casa

Successivo

Aria di casa: 5 consigli per assicurarsi che sia sempre pulita

Tendenze

5 regole per usare correttamente le password

7 Ottobre 2020

Vuoi sentirti al sicuro quando navighi online? Vuoi proteggere sempre al meglio le tue informazioni e i tuoi dati più importanti? Alla base della sicurezza informatica c’è un utilizzo corretto delle password che sono una prima importante difesa dagli attacchi informatici. Ecco come assicurarsi di usare le password nel modo migliore.

1) Crea una password forte

Ancora oggi, le password più comuni sono “12345” o “password”. Perché è pericoloso utilizzare delle sequenze così facilmente intuibili? Semplice, perché chiunque abbia la tua mail sarebbe facilmente in grado di intrufolarsi nella tua casella di posta elettronica, nel tuo profilo social e non solo. Per questo, è fondamentale creare una password “forte”, difficilmente ricostruibile.

Per creare una password di questo tipo è importante che la lunghezza sia di almeno 8 caratteri, che mescoli lettere minuscole e maiuscole, che utilizzi anche qualche numero e perfino qualche carattere speciale (come asterischi o punti di domanda). Online puoi trovare anche delle risorse che creano appositamente delle password sicure: un metodo facile per avere sempre a disposizione una sequenza alfanumerica a prova di hacker.

2) Diversifica le password

Una volta trovata una password sicura, potresti avere la tentazione di usare sempre la stessa per ogni sito o piattaforma al quale ti devi iscrivere. Sarebbe un errore: se un hacker dovesse entrare in possesso anche di una sola tua password, sarebbe in questo modo in grado di intrufolarsi in qualunque servizio sei iscritto. Esistono inoltre strumenti automatici che consentono agli hacker di testare la password che hanno ottenuto su tutti i siti più noti (una pratica nota come “bombing”). Per questa ragione è importante che tu abbia una password diversa per ogni servizio online.

3) Usa un password manager

Come fare allora per ricordare tutte le password? La scelta migliore è quella di utilizzare un password manager: un software che ti suggerisce quale password utilizzare e le memorizza automaticamente. Ogni volta che dovrai compilare una password che hai creato e memorizzato con il tuo “manager”, sarà direttamente lui a inserirla automaticamente. Se invece hai bisogno di controllare le tue password, non dovrai fare altro che entrare nel database di questo software, che è ovviamente accessibile solo a te. Semplice, comodo e sicuro.

4) Non dare a nessuno la tua password 

Non scriverla nelle email, perché potrebbero essere intercettate. Non darla ad amici o colleghi, perché potrebbero utilizzarla in maniera impropria o farsela sottrarre. Ma soprattutto: se ricevi qualche mail che sembra provenire dalla tua banca o dalle poste, ma in cui ti viene richiesta la password, non farlo! Si tratta sicuramente di un tentativo di phishing: una mail creata come se provenisse, per esempio, dal nostro istituto bancario di riferimento (utilizzando nel corpo della mail il logo della banca e proveniente da un dominio con un nome simile a quello originale) in cui vengono richieste varie informazioni (tra cui la password), spesso utilizzando la scusa di un problema tecnico per la cui soluzione sono necessari questi dati. Non rispondere a nessuna mail in cui ti vengano richieste queste informazioni, la tua banca (o qualunque altro istituto) non ti chiederebbe mai la password.

5) Evita di inserirla in altri computer

È una logica conseguenza del consiglio precedente. A volte utilizziamo le nostre password su computer che non sono nostri o che non sono nella nostra postazione di lavoro. È una pratica da limitare il più possibile. Gli altri computer potrebbero non essere difesi adeguatamente – soprattutto quelli che si trovano in alberghi o luoghi simili – e potrebbero quindi compromettere la nostra sicurezza.

Non solo: abituati come siamo a usare il nostro computer, potremmo dimenticarci di fare “logout” dalla mail o da qualunque altro servizio una volta terminata la sessione, lasciando così il nostro profilo social o il nostro account bancario alla mercé di qualunque altro avventore. La password va trattata come se fosse un documento d’identità: è tua, strettamente personale e riservata. Da custodire gelosamente per essere sempre il più possibile al sicuro.

Poco tempo per leggere? Ascolta il vodcast

 

<img src="https://semplicecome.it/wp-content/themes/generali-semplice-come-child/assets/images/mail.svg"/>Iscriviti alla newsletter
Loading