Cos’è la gamification e perché le aziende la usano - Semplice come

Precedente

Cosa sono i Big Data e perché ci riguardano da vicino

Successivo

Le aziende fanno welfare (e la vita dei dipendenti migliora)

Innovazione

Cos’è la gamification e perché le aziende la usano

9 febbraio 2018
Condividi su FacebookTwitta su TwitterCondividi su LinkedIn

Si può scoprire di più su una persona in un’ora di gioco, che in un anno di conversazione.

(Platone)

Si chiama Gamification e le aziende più innovative la utilizzano come strumento di crescita per il loro business. Il termine è stato introdotto per la prima volta in pubblico nel febbraio 2010 da Jesse Schell, un famoso creatore di giochi americano, alla “Dice Conference” di Las Vegas. Gamification deriva dalla parola “Game”, cioè gioco, e rappresenta una modalità per veicolare messaggi, stimolare risposte, per mezzo del divertimento e dell’interattività. Al centro di questo tipo di approccio c’è l’utente, la persona, e il suo attivo coinvolgimento, che permette di raggiungere obiettivi personali ma soprattutto d’impresa interessanti.

In cosa consiste esattamente la “gamification”

La gamification consiste nell’introduzione di un gioco, con regole e punteggio, all’interno della vita quotidiana e del lavoro. Lavorando e vivendo si partecipa al gioco e alla sua classifica. Può essere introdotta per un sito internet, un’applicazione, un’intera campagna pubblicitaria o un singolo contenuto. La cosa importante è gli utenti siano coinvolti un po’ alla volta nelle dinamiche del gioco e apprendano gradualmente le regole, mano a mano che cresce l’interesse e la partecipazione. Il punto di forza della gamification, infatti, è la capacità di stimolare gli istinti umani, con lo scopo di appagare desideri e bisogni. Un prodotto “gamificato” offre obiettivi da raggiungere, livelli in cui progredire, sana competizione con gli altri utenti, condivisione dei propri successi. Un comportamento attivo, peraltro, è molto più efficace di quello passivo, anche dal punto di vista della trasmissione di un messaggio.

Le aziende che usano il gaming

Con l’avvento dei social network e delle applicazioni dedicate agli smartphone, l’uso della gamification si è esteso particolarmente tra le aziende. Alcuni produttori di automobili ad esempio hanno creato un gioco che stimola l’automobilista a consumare di meno, e lo premia se guida in modo più ecologico e prudente, monitorando in tempo reale stili di guida e rispetto delle regole. Altre aziende usano la gamification per migliorare le abilità dei propri dipendenti. Ad esempio, ci sono dei giochi in cui i venditori rispondono a questioni spesso evidenziate dai clienti durante la trattativa per l’acquisto: più i “concorrenti” si dimostrano abili nelle risposte, più aumenta il punteggio di ciascuno all’interno della classifica aziendale. Esistono poi sistemi avanzati di selezione del personale basati proprio sulla gamification: i candidati creano il loro profilo in base a competenze ed interessi, si sfidano con gli altri candidati e dimostrano le loro capacità, anche nell’uso dei social network, oggi fondamentale per moltissime professioni.

L’uomo è veramente uomo soltanto quando gioca.

(Friedrich Schiller)

Iscriviti alla newsletter