Come fare delle belle foto in vacanza con lo smartphone - Semplice come
Come fare delle belle foto in vacanza con lo smartphone

Precedente

Arte e territorio: quando le opere escono dai musei

Successivo

Innovazione

Come fare delle belle foto in vacanza con lo smartphone

di Orazio Spoto - 11 Luglio 2019
Condividi su FacebookTwitta su TwitterCondividi su LinkedIn

Finalmente ci siamo, le vacanze sono alle porte e si avvicina il momento in cui sui tuoi social vorrai condividere con gli amici qualche scatto, possibilmente stupendo, in modo da farti un po’ invidiare. Buona notizia: ti basta uno smartphone!  Partiamo da alcune considerazioni:

– una foto può essere bella anche se scattata con uno smartphone e brutta anche se usate una mirrorless di ultimo grido.

– Una foto sui social network sarà giudicata da un pubblico ampio, non esperto di fotografia e probabilmente emotivamente vicino a te (amici, parenti, colleghi, etc.).

Eccoti allora qualche consiglio semplice ma efficace.

1) Adotta uno stile

Cerca di essere coerente. Parti dal formato: foto verticali o foto orizzontali. Se usi il colore (magari servendoti di applicazioni delle quali parleremo fra poco) evita il bianco&nero. Se scegli un filtro o meglio un preset, adottalo sempre. Infine il soggetto: se ad esempio fotografi quasi sempre paesaggi, evita scatti “di altro genere” che risulterebbero estranei.

2) Documentati prima della partenza

Ad esempio attraverso la ricerca per “luoghi” su Instagram. Oltre a scoprire location suggestive a cui magari non avevi pensato, avrai anche un’idea della posizione da cui inquadrarle e della luce migliore (ad esempio da dove ammirare il tramonto).

3) Ricordati di:

Pulire sempre la lente della fotocamera per evitare fastidiosi e antiestetici effetti “flou”. Controlla lo spazio in memoria del cellulare, se è poco, liberalo facendo il back up delle vecchie foto. Porta sempre con te un powerbank (cioè una batteria di riserva): nulla e peggio della batteria scarica nel momento dello scatto perfetto!

4) Utilizza le app

Non ti risolveranno il problema legato ad una foto brutta ma possono fare molto per migliorare ulteriormente una bella foto. I miei suggerimenti:

– Scegli una applicazione per modificare le immagini. Ce ne sono a disposizione tantissime, molte volte gratuite e compatibili sia per sistemi operativi IOS che Android, Una delle funzioni più utili è la correzione geometrica delle foto.  

– Applicazioni con filtri o preset. Si tratta di applicazioni che hanno già precaricate delle impostazioni per dare una nuance particolare – e di tendenza – ai vostri scatti.

5) Prenditi del tempo

Le vacanze sono un classico esempio di vita a diverso impatto empatico. In sintesi: in vacanza tu sei sul posto, hai aspettato mesi per essere li e finalmente ci sei. Il tuo pubblico no. Quindi vedete le cose in maniera diversa. Detto questo, ecco i miei ultimi due consigli.
Uno:
lascia decantare lo scatto, aspetta un giorno almeno prima di pubblicarlo. Quel tramonto che ti sembra spettacolare potrebbe essere in realtà uno scatto storto e magari sfocato!
Due:
dosa i contenuti, non serve raccontare ogni singolo secondo della tua splendida vacanza. Su Instagram datti delle regole: io non pubblicherei più di un contenuto al giorno e non andrei oltre le 5 storie.
E ora, ecco qualche esempio:

Saper sfruttare i riflessi può rendere una foto banale qualcosa di artistico e inaspettato. Basta una superficie di vetro, lucido o dell’acqua come in questo caso.
Il minimalismo spesso paga. Non occorre avere il fotogramma pieno, basta un soggetto, magari in contrasto per colore con lo sfondo, ad attrarre l’occhio.
Geometria, prospettiva. Le linee diagonali sono nostre amiche, usiamole! Guidano l’occhio in prospettiva creando tridimensionalità nell’immagine.
Ormai tutti gli smartphone hanno la possibilità di simulare l’effetto lunga esposizione. Si tratta di un effetto molto suggestivo dove i movimenti vengono non congelati ma rallentati.
Su instagram, la fotografia vive di stereotipi che vengono spesso etichettati da un hashtag. In questo caso si usa #strideby. Con questo hashtag si intendono le persone congelate nel momento in cui passeggiando sono davanti all’obiettivo

Bene, la base l’hai, ora tocca a te, rilassati e buona vacanza!

Orazio Spoto

Orazio Spoto

Orazio Spoto è da sempre attento alle mutazioni che il digitale ha portato nella comunicazione. Instagramers dalla prima ora, è stato fondatore di diversi progetti tra cui Igersmilano. Mette le sue competenze a disposizione delle aziende e delle istituzioni pubbliche e private per insegnare a raccontarsi attraverso internet, i social e in particolare Instagram. È anche nel team docenti di Ninja Marketing, Pambianco, Studio Samo e portavoce del progetto Parole O_Stili. Collabora con Università Cattolica, IULM e Sapienza. Collabora con Nikon, Canon e Leica. Nel 2012 e nel 2013 è stato scelto da Instagram come autore “suggerito”. Ha recentemente co-fondato Newmi, un'agenzia di comunicazione che è anche un Società Benefit tra le prime in Italia.

Iscriviti alla newsletter