Bambini in auto: 10 regole per viaggiare in sicurezza - Semplice come
Bambini in auto: 10 regole per viaggiare in sicurezza

Precedente

Quali sono i diritti degli animali

Successivo

Salute: come cambia la prevenzione grazie ai dati e all’intelligenza artificiale

Innovazione

Bambini in auto: 10 regole per viaggiare in sicurezza

di Alice Dutto - 13 Dicembre 2019
Condividi su FacebookTwitta su TwitterCondividi su LinkedIn

La metà dei genitori italiani non trasporta correttamente i figli in macchina. A dirlo sono le statistiche del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e dell’Istituto Superiore di Sanità, ma basta fermarsi un pomeriggio all’uscita di una scuola per verificare con i propri occhi la situazione. La colpa è di chi non rispetta l’articolo 172 del Codice della Strada, secondo cui i bambini fino a 150 centimetri di altezza devono viaggiare su sistemi di ritenuta. Oltre alla legge, però, esistono anche altre regole per garantire la sicurezza dei piccoli in auto: eccone dieci.

1) Scegliete l’auto giusta

Prima ancora del seggiolino, è importante muoversi con una vettura affidabile. Per farlo, basta andare sul sito dell’Euro Ncap, il programma europeo di valutazione delle nuove automobili, che fornisce ai consumatori informazioni sulla sicurezza delle auto.

2) Usate sempre il seggiolino

Tra le pratiche sbagliate – ma ancora molto diffuse – c’è quella di tenere sulle gambe il proprio figlio durante il viaggio. A solo 56 km orari un bambino di 15 kg produce una forza d’urto pari a 225 kg: è inutile pensare di poterlo trattenere con le braccia.

3) Verificate l’omologazione

Attualmente, sono due le normative europee che regolamentano l’omologazione dei seggiolini auto. La UN ECE R44 e la più recente UN ECE R129 (i-Size) e loro successive revisioni. In entrambi i casi, controllate che il numero di omologazione sia riportato sull’etichetta del prodotto.

4) Informatevi bene

Potete controllare le performance di un seggiolino leggendo le classifiche pubblicate da diversi enti indipendenti – ad esempio, Adac (Automobile club tedesca), Tcs (Touring Club Svizzero) e Altroconsumo – che effettuano crash test sui seggiolini più severi rispetto a quelli necessari per l’omologazione.

5) Non abbiate fretta di cambiare

È pericoloso anticipare i tempi, acquistando un seggiolino più grande rispetto al bambino. Meglio passare alla categoria successiva solo quando il piccolo ha raggiunto le giuste dimensioni di altezza o peso.

6) I vantaggi degli attacchi Isofix

Alcuni seggiolini sono dotati degli agganci Isofix, che permettono di ancorare i dispositivi direttamente al telaio dell’auto, senza la necessità di usare le cinture.

7) Fate delle prove

Circa il 50% dei genitori installa male il seggiolino. Prima di acquistarlo fate delle prove sulla vostra auto, meglio se con il bambino sopra. Se il prodotto è di seconda mano, verificate che non abbia già subito incidenti.

8) Scegliete il sedile giusto

Almeno fino ai 15 mesi, la posizione più sicura del seggiolino è sul sedile posteriore centrale e in direzione contraria rispetto al senso di marcia. Così facendo, il pericolo di traumi e lesioni al collo dei bimbi piccoli si riduce dell’80%. In alternativa, scegliete il posto dietro al passeggero, lato marciapiede. Se, invece, decidete di installare il prodotto in senso contrario di marcia sul sedile anteriore, l’airbag va disattivato.

9) No al giubbotto

Per viaggiare sicuri, le cinture del seggiolino devono essere al massimo a un centimetro di distanza dal corpo del bambino. Per questo, è bene togliere il giubbotto quando si sale in auto: altrimenti le cinghie rischiano di essere troppo larghe, lasciando scivolare il corpo in avanti e rendendo del tutto inefficace il sistema di ritenuta.

10) Installate un dispositivo anti-abbandono

Fino ai quattro anni d’età è obbligatorio installare in auto un dispositivo anti-abbandono. Si tratta di sistemi che segnalano la presenza dei piccoli sul seggiolino quando si spegne il motore. 

 

Alice Dutto

Alice Dutto

Giornalista professionista, collabora con il Corriere della Sera e si occupa di branded content in RCS Studio. Ha cofondato il sito Wannabemum.it, dove si trovano servizi, video e aggiornamenti sul mondo dell’infanzia. Scrive in particolare di genitori e bambini, educazione, temi dell’infanzia. Ma anche di salute e motori.

Iscriviti alla newsletter