Ritrovare il lavoro dopo i 40 anni (e anche dopo i 50) si può. - Semplice come

Precedente

Le madri della patria che hanno fatto l’Italia

Successivo

Un profilo Linkedin perfetto in cinque mosse

Società

Ritrovare il lavoro dopo i 40 anni (e anche dopo i 50) si può.

22 dicembre 2017
Condividi su FacebookTwitta su TwitterCondividi su LinkedIn

Spesso si parla di disoccupazione giovanile, eppure sono sempre di più (secondo il Censis +146% in 5 anni) le persone in età matura che devono ricollocarsi a causa di licenziamenti. Ricominciare a 40 o a 50 anni però non è così facile, spesso si viene considerati troppo vecchi per un nuovo lavoro. Come fare allora per ripartire?

Innanzi tutto è fondamentale valorizzare l’esperienza lavorativa maturata fin qui e non trasformare il disincanto dell’età adulta in rassegnazione. Lo spirito con cui si affronta il cambiamento è fondamentale per ripartire col piede giusto. Esperienza e fiducia sono qualità che i datori di lavoro apprezzano. Consultare le associazioni dedicate a chi perde il lavoro nel pieno dell’età adulta e chiedere un aiuto per ricollocarsi è sempre una buona idea. Spesso attraverso queste associazioni è possibile seguire corsi di specializzazione e approfondimento mai considerate di prima, anche sui temi e le professioni del digitale. Non ci sente soli e, inoltre, vengono forniti una serie di strumenti utili a capire quali prospettive di lavoro ci sono, anche all’estero. Una formazione aggiornata, peraltro, permette di avere qualche carta in più da giocarsi nel curriculum. Se poi negli anni abbiamo accumulato un risparmio sufficiente per buttarci in un’esperienza imprenditoriale: perché non provarci? Le storie di successo di chi ha deciso di aprire piccole attività dopo aver perso il lavoro esistono, perché la nostra non dovrebbe avere un lieto fine?

Certamente, oggi, in un mondo del lavoro caratterizzato in larga parte dal precariato, quando il lavoro lo abbiamo, è importante considerare di accumulare un piccolo capitale per il futuro, anche per poter reinventarci vivendo il periodo di cambiamento senza troppa ansia. Oltre ai più classici piani assicurativi pensionistici che ci consentono di maturare una prestazione previdenziale complementare alla nostra, un piano di accumulo che ci permette di versare un poco alla volta può essere la soluzione per mettere da parte un capitale risparmiando in modo continuativo senza incidere sul nostro bilancio personale e di famiglia. Questo tipo di soluzioni premiano la regolarità dei versamenti modulabili secondo le esigenze con un bonus e hanno una doppia anima finanziaria: una dedicata alla protezione del capitale versato e una alla ricerca dei migliori risultati. Risparmiare quotidianamente è una sfida importante e impegnativa ma sicuramente sensata per affrontare il futuro con un po’ più di serenità.

Iscriviti alla newsletter