Come fa una società ad essere quotata in borsa - Semplice come

Precedente

Brevetti: come si registra un’idea vincente

Successivo

Work-life balance: bilanciare lavoro e vita privata migliora la vita

Società

Come fa una società ad essere quotata in borsa

4 giugno 2018
Condividi su FacebookTwitta su TwitterCondividi su LinkedIn

Perché una società dovrebbe quotarsi in Borsa? Per due ragioni: per avere maggiori opportunità di crescita e per avere maggiori profitti rispetto a quelle non quotate. Si tratta infatti di uno strumento che consente di ottenere risorse finanziarie necessarie per la realizzazione di progetti e investimenti di grande respiro, attrarre talenti tecnici e manageriali, raggiungere nuove soglie di efficienza e capacità di programmazione. Insomma, ci si quota se si vuole provare a rendere concreti i grandi progetti imprenditoriali.  A confermarlo è uno studio realizzato dall’università Bocconi e dalla società Equita, nato per esplorare l’andamento del mercato e comprenderne gli sviluppi.

Dove ha sede la Borsa?

L’unica Borsa italiana ha sede a Milano, in piazza Affari. Nel 1997 ha accorpato e sostituito anche tutte le piazze di scambio minori, che svolgevano una funzione prettamente regionale (Torino, Roma, Bologna, Genova, Venezia, Firenze, Napoli, Palermo e Trieste): oggi non esistono più.

Ovviamente, oltra alla Borsa italiana ne esistono altre nel resto del mondo. Le principali si trovano a New York, Londra, Tokyo. Un’azienda italiana si può quotare in una di queste Borse estere? La risposta è sì.

Quotare la propria azienda all’estero è comunque complesso: è necessario entrare in un’ottica differente, dove le leggi di controllo e le regolamentazioni sono diverse da quelle adottate nel Paese di riferimento della società. Spesso sono incompatibili anche con il diritto societario a cui deve sottostare l’impresa che intende quotarsi.

Cosa fare per entrare in Borsa

Secondo lo studio condotto dalla Bocconi e da Equita, non sono tante le imprese nostrane che però decidono di quotarsi. Chi decide di farlo è spinto dalla possibilità di ottenere benefici dal punto di vista della crescita aziendale in termini di investimenti, personale e ovviamente ricavi.

La procedura formale di ammissione in Italia ha una durata di massimo due mesi e il costo dipende in percentuale dal capitale che l’azienda si intende investire. La quotazione può essere formalizzata online attraverso la piattaforma QUiCK (Quotation in a click), gestita dalla Borsa: di fatto, si tratta di uno strumento rapido e ufficiale per la gestione del processo di ammissione.

La quotazione viene effettuate prevalentemente su due tipi di mercati finanziari: quelli dedicati alle aziende medio-grandi (MTA) o quelli dedicati alle aziende medio-piccole (AIM).

Cosa serve per entrare in Borsa

La documentazione richiesta cambia da società a società e da mercato a mercato. Dal punto di vista pratico, comunque, in linea di massima una azienda deve:

              pubblicare e depositare gli ultimi tre bilanci d’esercizio, che permettono di conoscere la situazione patrimoniale, economica e finanziaria dell’azienda;

              riuscire a generare ricavi in maniera autonoma, per esempio attraverso le vendite;

              rendere pubblici i bilanci, affinché tutto il mercato possa valutarli.

I dieci passi per pianificare l’ingresso in Borsa

Prima abbiamo visto i requisiti per entrare in borsa, adesso diamo spazio ai consigli che arrivano direttamente da Fortune, vero e proprio testo sacro del businessman. La rivista ha stilato un decalogo dedicato alle aziende tech che pensano a entrare in borsa.

  1. Affidati a un dirigente finanziario che conosca bene i meccanismi della Borsa per preparare l’impresa al salto
  2. Stringi buoni rapporti con le banche…
  3. …e scegli la migliore che possa vestire i panni del partner dell’azienda
  4. Vai a caccia di talenti: l’appeal di una società quotata in borsa è diverso da una non quotata. Migliorare il team è consigliato, se si presenta l’occasione
  5. Incontra gli investitori, proponendo loro qualcosa di nuovo rispetto al mercato
  6. Tieni i conti in ordine: nessuno investe in una società con problemi finanziari, soprattutto in partenza
  7. Fai conoscere la tua azienda attraverso la pubblicazione dei dati, consentendo agli investitori di capire a fondo la proposta della tua società
  8. Stabilisci risultati da raggiungere e… raggiungili!
  9. Programma il tempo da dedicare agli investitori anche dopo la quotazione: la loro fiducia è fondamentale
  10. Calcola con cura il prezzo di quotazione delle azioni: un prezzo troppo basso potrebbe attirare più capitali, ma probabilmente di investitori non interessati al lungo periodo
Iscriviti alla newsletter