Cosa sono le assicurazioni di tutela legale - Semplice come
Cosa sono le assicurazioni di tutela legale? E a cosa servono? Ecco una semplice guida per chiarire come funzionano.

Precedente

Leonardo da Vinci: conoscere il genio in 5 curiosità

Successivo

ADAS: cosa sono i sistemi avanzati di assistenza alla guida

Società

Cosa sono le assicurazioni di tutela legale

26 Agosto 2019
Condividi su FacebookTwitta su TwitterCondividi su LinkedIn

Nel mondo delle soluzioni assicurative che è possibile sottoscrivere per proteggersi dagli imprevisti di tutti i giorni ce n’è una che, almeno in Italia, è meno conosciuta rispetto alle altre: l’assicurazione di tutela legale. Si tratta di una tipologia di polizza la cui popolarità è in aumento proprio per via del grado di serenità che si prefigge di garantire agli assicurati in svariati ambiti della vita quotidiana e non solo.

Una definizione

Le assicurazioni di tutela legale sono contratti assicurativi che riguardano la copertura di eventuali spese necessarie a tutelare gli interessi dell’assicurato in ambito giudiziale e stragiudiziale, proprio come fanno le assicurazioni sanitarie in ambito medico e le polizze RC Auto in ambito automobilistico. Dietro al pagamento di un premio assicurativo, le assicurazioni di tutela legale danno all’assicurato la garanzia di essere adeguatamente difeso in sede penale e di assisterlo nella difesa dei propri diritti nei confronti di pretese altrui.

Nessun pensiero

Una volta stipulato il contratto, la Compagnia assicurativa si attiva nel caso in cui il cliente si trovi coinvolto in un procedimento legale — che sia di tipo civile o penale — per coprirne le spese previste: dall’onorario dell’avvocato alle spese necessarie a eventuali perizie, passando per ulteriori consulenze, per la redazione di denunce, querele e istanze, per la ricerca di prove a difesa, le spese processuali e molto altro, fino ad arrivare alle spese per l’assistenza di un interprete in Paesi esteri e all’anticipo di eventuali cauzioni in caso di arresto o minaccia di arresto.

Tanti gli ambiti coperti

Il loro pubblico è vasto, dal momento che gli ambiti interessati da questo tipo di procedimenti sono numerosi: si va dalle cause di lavoro alle controversie condominiali passando per le inadempienze contrattuali, semplici ordini online non andati a buon fine, il recupero crediti, le responsabilità di impresa e gli incidenti stradali. Aziende o privati, manager o dipendenti, singoli individui o nuclei famigliari possono trarre tutti potenzialmente vantaggio dalla tutela legale, poiché la sua copertura riguarda anche ambiti del quotidiano lasciati però scoperti dalla sola Responsabilità civile.

Sempre più diffuse

Del resto la diffusione di questo tipo di tutela sta aumentando anche in Italia, anche se il nostro Paese rimane ancora indietro rispetto ai vicini europei. Secondo i dati di Das, la Germania è il Paese più virtuoso da questo punto di vista: rappresenta da solo quasi la metà delle polizze di tal tipo stipulate in europa, con quasi una famiglia su due ad aver sottoscritto un contratto e una raccolta di premi lordi da 3,4 miliardi di euro. Seguono a grande distanza la Francia con 1,1 miliardi, l’Olanda con 682 milioni, e dietro Austria, Svizzera, Belgio e Gran Bretagna con 483 milioni. L’Italia oggi vale 417 milioni di euro, ovvero il 5% dell’intera raccolta sul continente.

I tempi della giustizia

E sì che in Italia la necessità di questo tipo di protezione sarebbe anche più alta che altrove. In effetti siamo uno dei Paesi europei in cui la giustizia impiega più tempo a fare il suo corso (da noi servono in media 500 giorni per portare una causa civile a una sentenza di primo grado, 800 per giungere al secondo e 1.200 per arrivare eventualmente alla Cassazione) – un fatto che a volte costringe chi si trova ad avere a che fare con cause e tribunali a lunghi periodi di ristrettezze economiche, aggravati dal costo stesso dei procedimenti.

La legge uguale per tutti

Anche per questo ancora troppi cittadini e aziende rinunciano a far valere le proprie ragioni davanti a piccole e grandi ingiustizie: semplicemente perché il prezzo da pagare per arrivare a una sentenza risolutiva è troppo alto, e rischia in alcuni casi estremi di rovinare vite o far fallire attività prima ancora del termine delle vicende giudiziarie. Un problema al quale dovrebbe essere il sistema giudiziario a porre rimedio, ma dal quale le polizze di tutela legale rappresentano una parziale difesa.

Iscriviti alla newsletter