Cos’è il volontariato d’impresa - Semplice come
Cos’è il volontariato d’impresa

Precedente

Che cos’è la Banda Ultralarga

Successivo

Mountain bike: i consigli per i ciclisti che vogliono sfidare sé stessi

Società

Cos’è il volontariato d’impresa

7 Giugno 2019
Condividi su FacebookTwitta su TwitterCondividi su LinkedIn

Esistono diversi modi di fare volontariato. Solitamente chi fa del bene agisce nel tempo libero, cercando di conciliare queste attività con il lavoro e con gli altri impegni della vita quotidiana. Ci sono però delle tipologie di volontariato che permettono alle persone di intraprendere azioni benefiche anche durante l’orario di lavoro. Questo è il caso del volontariato d’impresa.

Cos’è

Si parla di volontariato aziendale quando un’impresa decide di supportare in maniera concreta delle attività che possono portare beneficio alle persone o al territorio, incoraggiando i propri dipendenti a partecipare a questi progetti in maniera attiva, anche durante l’orario di lavoro.
Solitamente, quindi, quando si parla di “volontariato d’impresa” ci si riferisce non solo alle collaborazioni fra aziende, enti benefici o istituzioni, ma al coinvolgimento dei dipendenti in azioni concrete che vengono effettuate durante le ore lavorative.

Oggi il volontariato aziendale si sta diffondendo sempre di più, anche in Italia. Questa pratica è nata negli Stati Uniti intorno agli anni ’90, si è diffusa nel mondo anglosassone ed è arrivata in Europa. Le imprese più attive sono solitamente quelle più grandi, ma oggi anche le piccole medie imprese sono sempre più coinvolte.

Quali sono le attività

Secondo i dati Sodalitas, in media le imprese coinvolte in attività di questo tipo offrono ai dipendenti l’opportunità di dedicare tre giornate lavorative all’anno a progetti di volontariato. Nel concreto, quali sono le attività che un’impresa può supportare?
I progetti possono essere molto diversi fra loro, e dipendono da impresa a impresa. In generale, l’azienda può decidere, per esempio, di supportare eventi locali come raccolte fondi, supportare programmi educativi all’interno delle scuole (e non solo), fornire competenze specifiche per progetti specifici e molto altro ancora.

Questo può avvenire in modi diversi. Le attività possono essere svolte in team o in maniera più personale, oppure all’interno o all’esterno dell’azienda.

Questo si traduce in azioni concrete di diverso tipo: partecipare a una raccolta fondi, andare a ripulire un parco, preparare del materiale educativo per bambini e molto altro ancora.

I vantaggi per dipendenti, aziende e territorio

Sintetizzare i benefici di queste attività non è semplice, anche perché alcuni di essi – come la gratificazione per aver fatto qualcosa di utile per gli altri – sono evidenti ma difficilmente quantificabili.
Quel che è certo, comunque, è che questa pratica fa bene a tutti: aziende, dipendenti, territorio. Da un lato, infatti, le imprese condividono le proprie risorse e i propri talenti con il mondo esterno, e le associazioni possono quindi beneficiare di un aiuto concreto e qualificato. Dall’altro, l’impresa rafforza il proprio legame con il territorio, facendo qualcosa di concreto per contribuire alla vita comunitaria e rendendo più forte il carattere identitario e il rapporto tra i dipendenti. I dipendenti svolgono delle mansioni diverse da quelle strettamente legate al lavoro, relazionandosi con i colleghi e con il territorio in una maniera nuova e stimolante.

Poco tempo per leggere? Ascolta il vodcast!

Iscriviti alla newsletter