Come sono cambiate le nostre abitudini di acquisto durante la pandemia - Semplice come

Precedente

Cinque domande sui vaccini per il Covid

Successivo

5 modi in cui la tua azienda può usare al meglio i social network

Tendenze

Come sono cambiate le nostre abitudini di acquisto durante la pandemia

25 Maggio 2021

Era inevitabile: trascorrere mesi e mesi chiusi in casa il maggior tempo possibile ha modificato alcuni nostri comportamenti. Tra questi, le abitudini in fatto di acquisti sono tra quelle che sono cambiate maggiormente e nei modi più diversi. L’elemento più evidente è anche il più prevedibile: l’acquisto di beni e oggetti online è cresciuto enormemente. Per quanto riguarda l’Italia, lo shopping su portali di e-commerce è per esempio cresciuto del 31% [Fonte: Osservatorio del Politecnico]. Ma che cosa ha comprato una popolazione costretta a restare a casa?

1) Macchine per il pane

Soprattutto nelle fasi più dure del lockdown, la scarsità di lievito nei supermercati di cui tutti abbiamo fatto esperienza indicava quanta parte della popolazione stesse combattendo lo stress facendo dolci e anche panificando. A ulteriore conferma vengono i dati della società di ricerca NPD Group, secondo cui negli Stati Uniti la vendita di macchine per il pane è quadruplicata. E in Italia? Secondo quanto affermato dalla direttrice dell’Osservatorio eCommerce del Politecnico, Valentina Pontiggia, “in alcuni casi in Italia queste indicazioni sono ancora più marcate”. Altro aspetto interessante è che questa crescita rappresenta un’inversione di tendenza dopo anni di vendite declinanti: adesso che abbiamo ricominciato a fare il pane in casa, continueremo a farlo anche a pandemia conclusa?

2) Attrezzi per il fitness

Meno tempo all’aria aperta, meno modi per passare il tempo, poca voglia di fare sport all’aperto magari anche nei casi in cui era consentito. Risultato? A crescere a dismisura sono state anche le vendite degli attrezzi per il fitness casalingo. In generale, secondo i dati NPD Group, la crescita di equipaggiamento per fare attività fisica tra le mura di casa è stata del 130%; tra questi, i classici pesi hanno avuto un incremento del 307%.

3) Farmaci

Covid a parte, nell’ultimo anno ci siamo ammalati meno dei classici tosse, influenza, raffreddore. Merito soprattutto dell’uso delle mascherina, di una migliorata igiene e ovviamente anche dei ridotti contatti interpersonali. Ciononostante, l’acquisto dei farmaci da banco e degli integratori direttamente dalle farmacie online è cresciuto, secondo i dati della rete di farmacie Farmakom, del 220%.

4) Fai-da-te e giardinaggio

Trascorrendo più tempo in casa, perché non approfittarne per sistemare quella mensola che traballa da anni, per aggiustare un’anta che cigola o per prendersi maggiore cura del giardino? E così, i dati riferiti al Regno Unito [Fonte: Statista] mostrano un aumento nella vendita online di piante, semi e bulbi del 48%, di attrezzi per la casa del 14,7%, di materiale per le costruzioni di 31,4% e infine di pittura per il 47,1%.

5) Puzzle

Era inevitabile: se bisogna passare più tempo in casa bisogna anche trovare il modo di divertirsi in casa. E così, sono cresciuti non solo i grandi classici dell’epoca digitale – a partire dai videogiochi – ma anche i giochi da tavolo e perfino si è assistito al grande ritorno dei puzzle. Una delle più note aziende del settore, Ravensburger, ha fatto segnare nel corso del 2020 un aumento delle vendite del 370%.

<img src="https://semplicecome.it/wp-content/themes/generali-semplice-come-child/assets/images/mail.svg"/>Iscriviti alla newsletter
Loading