Coronavirus, 5 risposte ai dubbi più comuni - Semplice come
Coronavirus, 5 cose utili da sapere nella vita di ogni giorno

Precedente

Mascherine, guanti, aerazione della casa: facciamo chiarezza

Successivo

Come pulire correttamente lo smartphone e altri oggetti

Tendenze

Coronavirus, 5 risposte ai dubbi più comuni

7 Aprile 2020
Condividi su FacebookTwitta su TwitterCondividi su LinkedIn

Le informazioni che circolano sul Coronavirus sono tantissime, per questo è importante fare affidamento solo a fonti ufficiali. Ecco dunque alcuni dei dubbi più frequenti, chiariti grazie alle spiegazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. 

Climi caldi o freddi prevengono la diffusione del Coronavirus

Falso. La diffusione del virus — spiega l’OMS — non è legata a caldo, freddo o umidità. Chi vive nelle zone dai climi più temperati o rigidi deve mettere in atto le stesse misure di prevenzione (distanziarsi dagli altri, lavarsi le mani frequentemente e non toccarsi il volto) fondamentali per tutti gli altri. In Italia, anche all’arrivo della bella stagione resterà necessario conservare queste buone abitudini.

Il Coronavirus si trasmette attraverso le punture di zanzara

Falso. Secondo l’OMS in nessuno dei casi di infezione venuti alla luce finora sono emerse prove del fatto che siano possibili contagi attraverso questo vettore. SARS-CoV-2 del resto è un virus che attacca le vie respiratorie, e si diffonde principalmente attraverso le goccioline di saliva espulse accidentalmente durante starnuti, colpi di tosse e conversazioni.

Fare frequenti risciacqui al naso previene il contagio

Falso. La convinzione che questi risciacqui possano prevenire le infezioni è priva di fondamento: si è diffusa sulle piattaforme di messaggistica — dove spesso viene consigliato l’uso di una soluzione salina — ma secondo l’OMS l’unico beneficio rappresentato da questa pratica è una guarigione più rapida nei casi di comune raffreddore.

Mangiare molto aglio protegge contro il Coronavirus

Falso. Si tratta di un altro rimedio casalingo che circola all’interno di molte conversazioni sulle piattaforme di messaggistica. In questo caso l’OMS riconosce che il consumo di aglio possa avere effetti positivi nella protezione dai microorganismi, ma avverte anche esplicitamente che non si tratta di un antidoto né di un metodo efficace per prevenire l’azione patogena del Coronavirus.

Le pratiche sconsigliate

L’OMS sconsiglia anche altre pratiche di dubbia efficacia e principalmente legate alla considerazione — in realtà di per sé corretta — che le alte temperature possano uccidere il virus. In particolare fare docce o bagni caldi non ha alcun effetto sulla diffusione del Coronavirus nell’organismo (dal momento che la temperatura all’interno corpo rimane immutata e costante), e asciugare le mani con un asciugamani elettrici non è sufficiente ad eliminarlo se prima non sono state lavate a fondo per almeno 20 secondi.

Vaccini e antibiotici

Per un vaccino efficace contro il Coronavirus ci sarà da aspettare, l’OMS precisa anche che i vaccini già esistenti per altre malattie respiratorie sono del tutto inutili, dal momento che SARS-CoV-2 è troppo diverso dagli altri agenti patogeni fin qui affrontati. Anche per gli antibiotici niente da fare, dal momento che sono efficaci solo contro i batteri; potrebbero essere prescritti per prevenire co-infezioni batteriche nei casi già accertati di COVID-19, ma sul Coronavirus non hanno potere.

_______________________

Fonte:

Organizzazione Mondiale della Sanità
Iscriviti alla newsletter