Mascherine, guanti, aerazione della casa: facciamo chiarezza - Semplice come
Coronavirus, 5 cose utili da sapere nella vita di ogni giorno

Precedente

Come aiutare i più piccoli a capire (e affrontare) il Coronavirus

Successivo

Coronavirus, 5 risposte ai dubbi più comuni

Tendenze

Mascherine, guanti, aerazione della casa: facciamo chiarezza

2 Aprile 2020
Condividi su FacebookTwitta su TwitterCondividi su LinkedIn

Per tenere alla larga il Coronavirus le misure più efficaci rimangono quelle ormai note: lavarsi frequentemente le mani, non uscire di casa, non toccarsi il volto e mantenere una distanza di sicurezza con le persone. In molti però si chiedono se adottare altre accortezze, come l’uso di una mascherina e un costante ricambio d’aria in casa, possa aiutare a evitare i contagi. Le informazioni messe a disposizione da OMS, Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità rispondono chiaramente a queste domande.

Distinguere le mascherine (e non sprecarle)

Le comuni mascherine chirurgiche sono utili contro il Coronavirus, ma servono unicamente a proteggere gli altri dal rischio di essere infettati; funzionano infatti da barriera per le particelle di saliva espulse accidentalmente da chi le indossa. Le mascherine con filtro (le cosiddette FFP-2 e FFP-3) servono invece a prevenire l’ingresso delle particelle di saliva altrui nel proprio tratto respiratorio, ma devono essere utilizzate solo da chi è a contatto con pazienti già infetti o potenzialmente positivi.

Come indossare le mascherine

Secondo l’OMS l’uso di una mascherina è efficace solamente se unito al lavaggio frequente delle mani; ecco perché prima di infilarne una occorre eseguire questa procedura. Una volta puliti, si può poi indossare il dispositivo facendo sì che copra completamente naso e bocca, ma anche che aderisca bene al volto.

Utilizzo e rimozione

È fondamentale non toccare la maschera durante l’uso; se avviene in maniera accidentale, occorre lavarsi le mani per evitare che queste diventino veicolo di infezione. Le mascherine chirurgiche vanno inoltre rimosse quando umide e non vanno riutilizzate. La rimozione deve avvenire attraverso l’elastico e il cestino dove vengono gettate deve poter essere chiuso. Al termine dell’operazione occorre lavarsi nuovamente le mani.

Guanti

Il Ministero della Salute ha chiarito che i guanti possono aiutare a prevenire le infezioni, ma non rappresentano un sostituto all’igiene delle mani. Per evitare che i guanti si trasformino in un veicolo di contagio, vanno cambiati ogni volta che si sporcano, non devono mai entrare a contatto con il volto e vanno gettati in un cestino per l’immondizia chiuso al termine dell’uso, senza essere riutilizzati. La rimozione si effettua ribaltandone l’interno e senza mai toccarne la superficie esterna con le dita non protette, e va seguita dal lavaggio delle mani.

Areare la casa

Per l’Istituto Superiore di Sanità areare la casa è un’operazione utile nel contesto di isolamento disposto dalle normative del Governo. Non si tratta insomma di una misura utile alla prevenzione delle infezioni, ma di una buona pratica per mantenere salubre l’ambiente dove ci si trova a vivere. Il ricambio d’aria è consigliato in tutti gli ambienti, aprendo le finestre più distanti dalle strade trafficate ma evitando di farlo nel corso della notte. Per pulire gli impianti di ventilazione è invece consigliato un panno inumidito con acqua e sapone, oppure con alcool etilico 75%.

_______________________

Fonti:

Mascherina

Guanti

Areare la casa
Iscriviti alla newsletter