Pelle: 5 consigli per un’abbronzatura sana - Semplice come
Pelle: 5 consigli per un’abbronzatura sana

Precedente

ONLUS: cosa sono e cosa fanno per il territorio

Successivo

Che cos’è la Banda Ultralarga

Tendenze

Pelle: 5 consigli per un’abbronzatura sana

30 Maggio 2019
Condividi su FacebookTwitta su TwitterCondividi su LinkedIn

L’estate si avvicina e con essa anche la voglia di lasciarsi alle spalle i mesi invernali. Quale modo migliore se non regalandosi spiagge dorate, mare azzurro e – perché no – una delicata abbronzatura?

Prima di stendersi al sole, però, è importante informarsi per assicurarsi di esporsi ai raggi nel modo giusto. Seguire alcune semplici regole è infatti indispensabile per avere una pelle bella e sana.

Che cos’è l’abbronzatura

L’abbronzatura è il modo in cui la nostra pelle si difende dai raggi del sole. Quando è esposta ai raggi solari, infatti, la pelle rilascia la melanina, pigmento generato da cellule presenti nell’epidermide chiamate melanociti. Questo processo determina il cambiamento del colore della pelle, che diventa più scura. 

Ogni pelle è diversa dall’altra. In dermatologia vengono classificati sei tipi di fototipi diversi, dove il fototipo I è quello che ha bisogno di più protezione e il fototipo VI è quello che si abbronza di più, e che quindi produce le quantità più alte di melanina. La protezione, comunque, è importante per tutti. 

Il sole fa male?

Proteggersi dai raggi solari è importantissimo, ma considerare il sole un nemico è sbagliato. Il sole ci aiuta a produrre la vitamina D, che rafforza le ossa e contrasta le malattie. Inoltre, stimola le endorfine che fanno bene all’umore. Può avere effetti positivi (preso nei giusti modi) anche su problematiche della pelle, come ad esempio l’acne.
Detto questo, dobbiamo anche essere consapevoli del fatto che i raggi solari portano rischi concreti. Occorre moderazione, e la consapevolezza che esporsi al sole senza un’adeguata protezione può essere pericoloso per la salute. I filtri protettivi sono indispensabili, così come fare dei check-up periodici per tenere d’occhio lo stato di salute della nostra pelle.

I consigli per un’abbronzatura sana

1 – Guarda l’orologio: si tratta forse del consiglio più diffuso quando si parla di esposizione solare. Evita di esporti ai raggi solari nelle ore più calde della giornata, che sono indicativamente dalle undici del mattino alle tre del pomeriggio. Ed evita anche di esporti al sole troppo a lungo. Se proprio vuoi restare in spiaggia anche durante queste ore, proteggiti con massima attenzione: indossa degli indumenti, metti più spesso la crema solare, spostati all’ombra.  

2 – Stai attento ai fattori secondari: a volte tendiamo a sottovalutare i rischi perché abbiamo una percezione errata delle potenza dei raggi solari. Un esempio classico è quando si va in gommone: lo spostamento ci fa sentire meno caldo, ma la scottatura è dietro l’angolo. Non bisogna quindi abbassare la guardia quando il cielo si fa un po’ nuvoloso, quando si alza un piacevole venticello, quando si è vicini a qualsiasi cosa possa riflettere i raggi solari, come la stessa acqua o superfici troppo chiare.

3 – Fai dei check-up periodici: la consulenza di un buon dermatologo è sempre importante. Lui saprà consigliarti le abitudini e i prodotti più giusti per il tuo fototipo di pelle. Ogni persona è diversa, e adottare una routine specifica per il proprio tipo di pelle può davvero fare la differenza. Altra cosa fondamentale: fai dei controlli periodici ai nei da uno specialista. O rivolgiti subito a lui se noti dei cambiamenti nella forma o nel colore di un neo. Questo vale in particolare se hai tanti nei o se nella tua famiglia ci sono stati casi di melanoma.  

4 – Usa bene la crema: c’è chi si mette la protezione una volta e poi, fra un bagno e una partita a beach volley, non se la mette più. Mettere la crema è un aiuto indispensabile, ma bisogna usarla nel modo giusto. Innanzitutto, assicurati di scegliere il fattore di protezione più adatto al tuo tipo di pelle (tendenzialmente, comunque, scegli sempre una protezione alta). Poi, applica la crema in tutta la superficie del corpo, non lasciando scoperta nessuna zona. Puoi anche aiutarti con stick specifici per zone come le labbra. Infine: riapplica spesso la crema, specialmente dopo aver fatto il bagno o dopo aver sudato molto.

5 – Il cibo è tuo amico: cibo e integratori non sostituiscono un’adeguata protezione, ma possono essere utili per contrastare gli effetti negativi del sole sulla nostra pelle. Una dieta ricca di vitamine e antiossidanti, quindi, non può che essere positiva. Via libera allora ad avocado, pesche, pomodori, meloni, peperoni, albicocche. E per una cenetta sfiziosa puoi cucinare del salmone, ricco di omega 3 e acidi grassi.

Iscriviti alla newsletter