Come pulire correttamente lo smartphone e altri oggetti - Semplice come
Coronavirus, 5 cose utili da sapere nella vita di ogni giorno

Precedente

Coronavirus, 5 risposte ai dubbi più comuni

Successivo

Che cosa significa immunità di gregge?

Tendenze

Come pulire correttamente lo smartphone e altri oggetti

10 Aprile 2020
Condividi su FacebookTwitta su TwitterCondividi su LinkedIn

Smartphone, auricolari, tablet e computer portatili: strumenti indispensabili e che in alcuni casi portiamo sempre in giro con noi. Ma in tempi di Coronavirus tenere i nostri dispositivi puliti e igienizzati può essere molto importante. Questo vale soprattutto per lo smartphone, che riponiamo in tasca o nella borsa, appoggiamo ovunque e poi, nel momento dell’utilizzo, teniamo vicino alla bocca e alle orecchie. Con il rischio che diventi un veicolo di germi.

 L’importanza dell’igiene

State pensando di confinare lo smartphone in una busta di plastica conservata in cassaforte? In verità, non c’è bisogno di adottare misure drastiche per continuare a utilizzare serenamente il telefonino e tutti gli altri dispositivi che, soprattutto in questi giorni, hanno un ruolo cruciale nelle nostre vite.

Prima di tutto, è importante sapere che – secondo quanto riporta il sito del Ministero della Salute – il virus può sopravvivere alcune ore sulle superfici, ma è sufficiente l’utilizzo di semplici disinfettanti per ucciderlo e annullare la sua capacità di infettare le persone. La soluzione al problema è quindi molto semplice: è sufficiente, spiega sempre il ministero, “disinfettare gli oggetti che usiamo più frequentemente e che portiamo in giro con noi con un panno inumidito con prodotti a base di alcol o candeggina (tenendo conto delle indicazioni fornite dal produttore)”.

La soluzione per lo smartphone

Prima di passare alla pulizia è utile indossare dei guanti, per evitare di trasferire i germi presenti dallo smartphone alle mani, e spegnere il telefonino. Fatto questo, un rimedio semplice è quello di creare una soluzione al 50% di acqua e alcol etilico, riutilizzando uno spruzzino vuoto. Un panno in carta o anche dei dischetti in cotone possono invece essere una perfetta soluzione usa e getta, inumiditi sempre con acqua e alcool e gettati subito dopo l’uso. Per asciugare il telefono, procuratevi un altro panno monouso morbido evitando di usare gli asciugamani.

La stessa procedura può ovviamente essere svolta per ogni dispositivo tecnologico, ma per quanto riguarda il computer è necessaria un’ulteriore accortezza: utilizzate l’alcool per pulire tastiera e cornice dello schermo, mentre per il display vero e proprio è meglio sfruttare una soluzione di acqua e aceto in bassa concentrazione.

Rischi moderati

Questi sono semplici rimedi che vi consentono di tenere puliti gli oggetti che usiamo più frequentemente e che potrebbero entrare in contatto con virus di ogni tipo. Detto questo, va ricordato che – come segnalato da Franco Locatelli dell’Istituto Superiore di Sanità – “l’eventuale contagio attraverso superfici è assolutamente marginale rispetto a quello interumano, che resta la vera modalità di trasmissione”.

Come dire: tenere puliti gli oggetti più esposti è sicuramente una buona abitudine, ma è sufficiente fornire loro una normale igiene per essere al sicuro. Senza mai dimenticare che gli aspetti più importanti a cui prestare attenzione sono altri: in primis, lavarsi spesso le mani e tenere le giuste distanze dalle altre persone.


Fonte: 
Ministero della Salute
Iscriviti alla newsletter