Come trasformare il tuo smartphone in un perfetto compagno di viaggio - Semplice come

Precedente

Il solstizio e le stagioni: cosa sono e come cambiano

Successivo

Yoga per pigri

Innovazione

Come trasformare il tuo smartphone in un perfetto compagno di viaggio

di Emanuela Zaccone - 26 giugno 2018
Condividi su FacebookTwitta su TwitterCondividi su LinkedIn

Credi che lo smartphone in vacanza serva solo a scattare foto e condividerle sui social? In realtà può fare molto di più. Ecco qualche consiglio per trasformare il tuo dispositivo in un impeccabile compagno di viaggio che ti aiuterà a goderti le vacanze fino in fondo.

Libera lo spazio (e la mente)

Innanzitutto fai un po’ di pulizia per fare spazio non solo fisico ma soprattutto mentale alla vacanza. Il primo passo da compiere è disinstallare le app che usi per lavoro: spiega ai tuoi colleghi che in caso di emergenza potranno raggiungerti via email (che leggerai quando avrai tempo). È un passaggio necessario sulla strada del tuo “digital detox”.

Crea il tuo itinerario

Riguardo l’itinerario di viaggio e le sue tappe, online troverai moltissime fonti con consigli su cosa vedere e su dove andare. Salva il tuo percorso con un’app di mappe: otterrai un link da conservare ad esempio sul block notes del tuo smartphone.

Non sai quale scegliere? Google Maps è un’ottima opzione: ricca di contenuti, affidabile, con diverse modalità di visualizzazione e soprattutto con il motore Google sotto e tutta la sua potenza informativa (ad esempio troverai subito foto e recensioni per i vari luoghi di interesse).

Metti ordine fra le informazioni

Creare un blocco di appunti in cui inserire link, indirizzi, note e numeri di telefono è il miglior modo per avere tutto in ordine. Usa le app solitamente già offerte dal sistema operativo del tuo smartphone o scaricane di specifiche.

Se sei in dubbio, scarica Evernote: ti permetterà di creare note ricche di contenuti media ma anche liste e di salvare i link che più ti interessano; soprattutto potrai organizzare i vari contenuti in un taccuino, come un vero diario di viaggio, accessibile anche via web.

Metti in piedi anche delle liste con le cose da fare, magari divise in base al tipo di esperienza (cibo, sport, cultura, bambini etc.). Sai dove andare a mangiare quel famoso piatto tipico? Dai un’occhiata alle applicazioni e ai siti web che offrono recensioni. Usa pure le più famose, come Tripadvisor, ma ti consigliamo comunque di utilizzare più di una fonte.

E come scegliere dove dormire o selezionare la soluzione di viaggio migliore? Affidati a siti e app mobili che aggregano diverse fonti e presentano poi all’utente la soluzione più economica.

Pensa a come farti capire

Se poi non parli la lingua del luogo potresti trovare utile imparare almeno i fondamentali qualche settimana prima della partenza (con le apposite applicazioni) e installare un traduttore. Alcune app offrono anche una funzionalità “punta e traduci”: ti basterà inquadrare con la fotocamera del tuo smartphone una scritta – come un cartello – per vederne subito la traduzione.

Previeni le emergenze

E come fare se hai dimenticato dei medicinali o non sai come si chiamano all’estero? Il tuo smartphone può aiutarti anche in questo, aiutandoti a trovare il farmaco corrispondente ovunque ti trovi.
Quanto a ospedali e pronto soccorsi, scarica in locale le mappe della zona, così da poterle usare anche in assenza della connessione dati.

Ricorda infine di effettuare un backup di tutti i dati e di attivare la funzione di tracciamento dello smartphone prima della partenza. Se dovessi perderlo o ti fosse rubato sapresti come rintracciarlo e non perderesti i tuoi dati.
Buon viaggio!

Emanuela Zaccone

Emanuela Zaccone

Marketing & Product Manager di TOK.tv, il social network per i fan dello sport con quartier generale in Silicon Valley. Ha un’esperienza decennale in ambito social media strategy e analysis: nel ruolo di consulente, ha collaborato con aziende – tra cui TIM, Eridania Tate & Lyle e LUISS Guido Carli – associazioni e startup. Scrive per Digitalic, Wired e Nòva de Il Sole 24 Ore, oltre che su Medium.

Iscriviti alla newsletter