Yoga per pigri - Semplice come

Precedente

Come trasformare il tuo smartphone in un perfetto compagno di viaggio

Successivo

Digital Divide: cos’è e qual è la situazione italiana

Società

Yoga per pigri

di Gianni Lombardi - 29 giugno 2018
Condividi su FacebookTwitta su TwitterCondividi su LinkedIn

Lo yoga è un’antica disciplina fisica, filosofica e spirituale nata in India e diffusa oggi in tutto il mondo. La parola “yoga” significa unione, in particolare fra mente e corpo. Praticando yoga si possono raggiungere diversi livelli di benessere fisico e spirituale.

Uno dei grandi vantaggi dello yoga è che si può praticare partendo da qualsiasi condizione fisica. Puoi essere un grande atleta o un sedentario impigrito, in entrambi i casi puoi trovare uno stile, un metodo e numerose posizioni yoga e varianti adatte a te. È quindi una disciplina indicata anche a chi fa un lavoro sedentario o non fa sport da molti anni. Anche per questo sempre più aziende decidono di dare ai propri dipendenti la possibilità di praticarlo anche in ufficio.

 I due segreti dello yoga pratico

Il segreto numero uno è non lasciarsi condizionare dalle foto di posizioni yoga che si vedono nelle riviste o in giro per internet: in genere sono eseguite da insegnanti e modelle professioniste… è come confrontare il proprio livello di tennista principiante con quello dei tennisti professionisti che disputano la Coppa Davis.

Il segreto numero due infatti è che la posizione va eseguita come si riesce, partendo dal semplice e badando soprattutto a non farsi male: la posizione non deve mai essere forzata, soprattutto se si è principianti (i praticanti avanzati possono forzare, a certe condizioni, ma devono sapere quello che fanno), e non si deve sentire dolore eseguendo un esercizio yoga. Se si sente dolore, vuol dire che si sta sbagliando qualcosa. I progressi fisici e mentali arrivano con la pratica.

Due esercizi facili per provare subito

Per vedere i vantaggi dello Yoga, ecco due esercizi molto semplici che può praticare chiunque. Dato che lo yoga è prima di tutto pratica, il miglior modo per iniziare a conoscerlo è praticare.

Esercizio per la schiena

Semplice torsione che si può fare anche in ufficio, seduti su una normale sedia: è molto utile sia per prevenire sia per aiutare a curare il mal di schiena.

1. Siediti su una normale sedia, senza appoggiarti allo schienale.
2. Tieni la schiena dritta, le spalle  rilassate, le mani sono appoggiate sulle ginocchia
3. Inspirando voltati verso sinistra. Le spalle, il viso e lo sguardo vanno verso sinistra. La mano destra spinge l’interno del ginocchio destro, per aiutare la torsione della spina dorsale.
4. Espirando lentamente torna al centro.
5. Inspirando voltati verso destra, in modo simmetrico.
6. Espirando lentamente torna al centro.

Ripeti diverse volte, sincronizzando lentamente il movimento col respiro.

È un esercizio molto potente per migliorare la forza e la flessibilità della spina dorsale. La leggera torsione stimola e aiuta il ricambio nutrizionale dei dischi intervertebrali, prevenendo ernie e mal di schiena. La torsione deve essere delicata, senza forzare.

Esercizio di respirazione

Si può fare sia seduti, sia camminando. Si respira sempre usando il naso. Inspirando si conta fino a 2, 3 o 4 (il conteggio deve essere agevole, non forzato). Espirando si conta il doppio di quanto contato inspirando (anche qui il conteggio deve essere agevole, non forzato, caso mai ridurre un po’ il conteggio, meno del doppio). Se si sta seduti si possono contare i battiti del cuore. Se si cammina si possono usare i passi come conteggio.

È una tecnica di respirazione molto rilassante.

Come trovare un buon centro Yoga

Per praticare yoga il consiglio migliore, se non hai un amico esperto che può guidarti, è cercare i centri yoga vicini a casa o all’ufficio e poi provarli tutti. In genere tutti offrono una lezione gratuita di prova.

Oltre a cercare con i motori di ricerca, puoi trovare indirizzi di centri e insegnanti di yoga presso la Yani, Associazione Nazionale Insegnanti di Yoga.

Dopo le lezioni di prova, scegli quello che ti convince di più o quello dove trovi più sintonia con l’insegnante. Sei mesi o un anno dopo puoi rifare il giro e scegliere se cambiare o mantenere la scelta. Lo yoga infatti è una scoperta continua.

Gianni Lombardi

Gianni Lombardi

Ex pubblicitario, ora istruttore di Yoga. Autore di libri e scrittore freelance. Ha scritto “Action Writing”, manuale pratico di scrittura efficace.

Iscriviti alla newsletter